fbpx

Quale depuratore d’acqua scegliere

Forniamo esclusivamente depuratori di altissima qualità 100% made in Italy.

Operiamo su tutto il territorio dal 1986, siamo fortemente attaccati alla tutela del nostro territorio e della nostra economia nazionale.

Per questo motivo i nostri depuratori vengono prodotti esclusivamente in Italia. 

Sopralluogo di fattibilità con misurazione dell’acqua per identificare il depuratore più adatto.

Le nostre tipologie di depuratori 

1. Sottolavello

I depuratori “sottolavello” vengono inseriti direttamente sotto il lavello.

Spesso questa tipologia di depuratori hanno un rubinetto dal quale fuoriesce l’acqua depurata, ma c’è anche la possibilità di avere sia l’acqua depurata che non, direttamente da un singolo rubinetto, non dovendo così bucare il piano cottura.

Le tipologie di depuratori sono molteplici e molto spesso viene scelta quella sbagliata, portando insoddisfazioni o malfunzionamenti. 

Per questo motivo offriamo un servizio di consulenza tecnica gratuita. 

2. Sopralavello

I depuratori “sopralavello” a differenza dei depuratori da sottolavello, hanno il sistema che genera l’acqua fredda e frizzante direttamente sopra il lavello.

Il vantaggio di questa tipologia di depuratore è che non necessita l’inserimento di un rubinetto.  

 

Le nostre tipologie di filtrazione

Al giorno d’oggi esistono molte tipologie di filtrazione, dall’osmosi inversa alla microfiltrazione.

Non esiste una tipologia di filtrazione migliore, dato che svolgono funzioni diverse. Per questo motivo consigliamo sempre di effettuare una misurazione completa dell’acqua, prima di procedere all’acquisto di un impianto di depurazione.

Puoi richiedere una misurazione completa dell’acqua gratuita seguendo questo link.

 

1. Osmosi inversa

L’osmosi inversa è stata inventata per rendere potabile l’acqua del mare.

Negli anni, questo sistema è stato adattato anche per l’uso domestico, che però non sempre risulta idoneo per un consumo giornaliero.

L’osmosi inversa desalinizza l’acqua del mare grazie a delle membrane sintetiche che non fanno passare alcun tipo di batterio e sale minerale, questo processo porta l’acqua ad essere completamente sterile e priva di qualsiasi nutriente.

Ciò può risultare sia un vantaggio che uno svantaggio, dipende dalle caratteristiche della propria acqua di casa e dallo stato di salute di chi la consuma.

2. Microfiltrazione

La microfiltrazione riesce a filtrare esclusivamente i batteri nocivi, lasciando invariati i sali minerali.

In questo modo si riesce ad ottenere un’acqua buona e ricca di sali minerali.

 

Ma attenzione, non sempre la microfiltrazione risulta la scelta più idonea, dato che ci possono essere sostanze che otturino i microfori dei filtri, rovinando così il processo di filtrazione, tralasciando potenziali batteri che possono mettere in pericolo la salute di chi la consuma.

Per questo motivo consigliamo sempre di effettuare un’analisi completa dell’acqua prima di procedere con la scelta della tipologia di filtrazione.